L’IMO INTERVIENE SULLE CLAUSOLE “NESSUN CAMBIO DI EQUIPAGGIO”

Le clausole “nessun cambio di equipaggio” da parte dei noleggiatori aggravano la crisi del cambio di equipaggio in corso e minacciano ulteriormente la sicurezza della navigazione, afferma il segretario generale dell’IMO. “Le clausole esacerbano l’affaticamento mentale e fisico tra i marittimi esausti, minano il rispetto delle disposizioni della Convenzione sul lavoro marittimo, 2006, come modificata (MLC, 2006) e minacciano ulteriormente la sicurezza della navigazione”, ha affermato Lim.

Il Segretario Generale dell’ IMO Kitack Lim si è pronunciato contro le clausole “nessun cambio di equipaggio” nei charterpartties, sottolineando che tali clausole esacerbano la terribile situazione dei marittimi bloccati e minano gli sforzi intrapresi per risolvere la crisi del cambio di equipaggio in corso,  invitando pertanto gli armatori e gli operatori a rifiutarle se richiesto.  Tali clausole esacerbano l’affaticamento mentale e fisico tra i marittimi esausti, minano il rispetto delle disposizioni della Convenzione sul lavoro marittimo del 2006, come modificata (MLC, 2006) e minacciano ulteriormente la sicurezza della navigazione “, ha affermato Lim.

Ha aggiunto che sono disponibili e dovrebbero essere utilizzate clausole contrattuali alternative che consentono il cambio di equipaggio durante la pandemia.  “Risolvere la crisi del cambio di equipaggio richiede i migliori sforzi di tutte le parti interessate. L’eliminazione dell’uso delle clausole “nessun cambio di equipaggio” è solo uno di questi sforzi “, ha affermato il Segretario generale, riaffermando l’impegno dell’Organizzazione ad assistere tutti gli Stati membri, l’industria e la gente di mare in questo senso. Le organizzazioni internazionali hanno rilasciato dichiarazioni all’ultima riunione del Comitato Legale dell’IMO, LEG 107, per condannare l’uso di clausole “nessun cambio di equipaggio” nei charterpartties. Il Comitato ha inviato le osservazioni in merito alla sua 108a sessione, prevista per luglio 2021. Mentre la crisi del cambio dell’equipaggio entra nel suo decimo mese, centinaia di migliaia di marittimi rimangono a bordo delle navi ben oltre la scadenza dei loro contratti di lavoro marittimo, alcuni non pagati e tutti impossibilitati a essere rimpatriati. Un numero simile rimane impossibilitato a unirsi alle navi e, di conseguenza, si ritrova incapace di iniziare i propri contratti e guadagnarsi da vivere.”La situazione continua a costituire una crisi umanitaria che minaccia non solo la salute e il benessere dei marittimi, ma anche la sicurezza della navigazione e il flusso ininterrotto della catena di approvvigionamento globale”, ha insistito Lim, aggiungendo: “politiche o pratiche che impediscono o inibiscono la sicurezza , i cambi regolari dell’equipaggio dovrebbero essere rivisti o eliminati. ” Al 18 dicembre, 46 Stati membri dell’IMO e un membro associato * hanno designato i marittimi come lavoratori chiave. Ciò è essenziale per esentare questi professionisti da specifiche restrizioni di viaggio relative a COVID, consentendo loro di viaggiare tra il loro paese di residenza e le navi e di essere rimpatriati alla fine dei loro contratti. Ci sono stati anche alcuni segnali incoraggianti di progresso nell’applicazione del quadro di protocolli sviluppato dal settore per garantire cambi di equipaggio e viaggi sicuri durante la pandemia, che sono stati approvati dal Comitato per la sicurezza marittima e diffusi come MSC.1 / Circ.1636. La difficile situazione dei marittimi bloccati è evidenziata in un video IMO con i marittimi che descrivono le sfide che hanno dovuto affrontare a causa della pandemia e gli impatti della crisi del cambio di equipaggio in corso sulla loro salute fisica e mentale. * Stati membri: Azerbaigian, Bahamas, Bangladesh, Barbados, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cipro, Danimarca, Dominica, Francia, Gabon, Georgia, Germania, Ghana, Grecia, Indonesia, Iran (Repubblica islamica di), Giamaica, Giappone , Kenya, Kiribati, Liberia, Isole Marshall, Moldova, Montenegro, Myanmar, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Nigeria, Norvegia, Panama, Filippine, Repubblica di Corea, Romania, Arabia Saudita, Singapore, Sud Africa, Spagna, Svezia, Tailandia, Regno Emirati Arabi Uniti, Regno Unito, Stati Uniti, Yemen. Membro associato: Hong Kong (Cina)

/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

AlMablog News è una rivista di cultura e diritto, senza scopo di lucro, accessibile on line gratuitamente (open access), fondata nel 2018, edita e sostenuta da Angelo RUBERTO Avvocato Penalista del Foro di Bologna, nonchè Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense”. PARTNER: JuraNews https://juranews.it - ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati