INCIDENTE DI VENEZIA: APERTE DUE INCHIESTE di Angelo RUBERTO

La Procura della Repubblica di Venezia ha aperto un’inchiesta per accertare cause e responsabilità dell’incidente avvenuto a Venezia tra la nave da crociera “MSC OPERA” ed battello da turismo “RIVER COUNTESS”. Indagati il comandante della nave ed il pilota del porto che si trovava a bordo durante la manovra di ingresso in porto della nave. La società armatrice della nave, MSC Cruiseslo conferma in una nota diffusa ieri: “Questa sera sono stati notificati al Comandante della MSC Opera e al DPA (Designated Person Ashore) gli avvisi di garanzia e la relativa iscrizione nel Registro degli indagati della Procura della Repubblica di Venezia, atto dovuto per poter  procedere all’espletamento della consulenza tecnica ex articolo 360 CPP. La Procura ha iscritto nello stesso Registro anche  altri soggetti estranei a MSC coinvolti a vario titolo nella gestione degli eventi che hanno portato all’incidente di domenica”. Posti sotto sequestro,  tutti i sistemi di movimento della nave, i motorini, il timone, la scatola nera (VDR). Attraverso l’esame del VDR (voyage data recorder) è possibile risalire ad un eventuale guasto agli apparati della nave. Il registratore dei dati di viaggio (in inglese: voyage data recorder ) è un sistema di registrazione che deve essere installato sulle navi secondo quanto richiesto dalla Convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare dell’Organizzazione marittima internazionale (IMO Res.A.861(20)) per raccogliere dati dai diversi sensori disposti sull’imbarcazione. Esso comprime e memorizza questi dati in una memoria protetta e sistemata all’esterno della nave. L’unità di memorizzazione è progettata per resistere a colpi estremi, urti, alta pressione e calore, tutte condizioni che potrebbero verificarsi in un incidente in mare (incendio, esplosione, collisione, affondamento ecc.). L’ipotesi di reato che l’ufficio giudiziario veneziano sta valutando è quella prevista dall’articolo 1231 del codice di navigazione, inosservanza delle norme sulla sicurezza, reato contravenzionale punito con l’arresto e l’ammenda. Analoga inchiesta, amministrativa ai sensi dell’art. 578 del codice della navigazione,  è stata aperta dalla Capitaneria di Porto di Venezia: “ L’autorita’ marittima procede a sommarie indagini sulle cause e sulle circostanze del sinistro stesso, e prende i provvedimenti occorrenti per impedire la dispersione delle cose e degli elementi utili per gli ulteriori accertamenti”.  La società armatrice, intanto, ha ricevuto l’autorizzazione da parte della Capitaneria di Porto ad iniziare i lavori di ripristino dello scafo, lavori che prevedono anche l’uso della fiamma per le saldature”. In una nota diffusa dalla società Msc, c’è scritto: “La compagnia ha lavorato a stretto contatto con tutte le Autorità e ha offerto piena collaborazione per contribuire a stabilire tutti i fatti e recuperare tutti i dati tecnici. L’indagine in corso richiederà però alcuni giorni per essere completata e quindi la nave non potrà portare a termine l’itinerario inizialmente previsto nel Mediterraneo Orientale. Alla luce di questo, MSC Crociere ha preso la decisione di annullare l’attuale crociera e di rimborsare a tutti i passeggeri per l’intero costo del biglietto e gli eventuali servizi prenotati”. “Per tutti i passeggeri che desiderassero rimanere a bordo di MSC Opera fino alla data prevista per lo sbarco, la compagnia ha disposto che tutti i servizi di bordo e intrattenimento restino pienamente operativi e a disposizione dei passeggeri. Inoltre, MSC garantirà un servizio navetta gratuito da e per Piazza San Marco per tutti coloro che desiderassero trascorrere la giornata a Venezia. Per coloro che non intendono restare a bordo, MSC fornirà tutta l’assistenza necessaria per garantire un pronto rientro a casa e si farà carico di tutti i costi”, continua la nota della compagnia. “Per i passeggeri con sbarco previsto a Bari sabato 8 che desiderano rimanere a bordo, al momento è previsto che la nave possa a salpare da Venezia entro venerdì 7 in modo da poter arrivare a Bari sabato. Da lì la nave è previsto prosegua per Venezia da dove si prevede l’inizio della crociera successiva. Il customer service di bordo è a disposizione di tutti i passeggeri per qualsiasi ulteriore informazione e supporto. Il rimborso del biglietto della crociera potrà essere richiesto da ciascun passeggero al proprio agente di viaggio o, per coloro che hanno prenotato direttamente con MSC, al Contact Center della compagnia”,

/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG curato da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista del Foro di Bologna, Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense” (www.retenazionaleforense.eu) ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.