L’AVVOCATO SI DEVE PAGARE!

IL MIO LAVORO

Fin da bambina ho sempre avuto persone vicine che lavoravano, che rispettavano il lavoro altrui, e che pagavano sempre il servizio e l’attività che qualcuno erogava. Fin da bambina ho vissuto con persone che mai hanno fatto debiti. Per me è normale andare da un professionista e pagarlo, andare dal dentista e pagarlo. Se mi trovassi in difficoltà economica non potrei vivere con i debiti ma cercherei di trovare in tutti i modi una soluzione.  Ultimamente sto notando, in modo particolare nel mio lavoro, che l’atteggiamento comune è assumere un professionista e pagarlo ratealmente e poi alla fine sparire senza saldarlo. Ciò che mi chiedo è: ”ma veramente sta diventando regola di vita comportarsi in tal  modo?” Sinceramente il mio dominus – già da qui ho svelato la mia professione- mi ha sempre insegnato: ”fatti dare un cospicuo anticipo”. Dal canto mio spesso lascio prevalere il lato umano, sbagliando. Col senno di poi è troppo tardi. A tutto c’è rimedio; essendo reduce da varie esperienze negative mi sono detta: se nasci senza rispetto verso il prossimo, se nasci arrivista senza un briciolo di rispetto per chi ti ha fornito una prestazione, a questo punto non hai più speranze di cambiare.  Io non avrò riscosso fino alla fine ma ho conservato gli insegnamenti dati e più di ogni altra cosa non ho perso la mia dignità! È mio auspicio in queste poche battiture aver nobilitato l’importanza del lavoro. Ai giovani che si affacciano ora in questo marasma, consiglio di stare attenti perché ogni giorno nasce un bischero e un furbo. Ricordatevi queste parole: Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza. Così Dante ci ricorda che la nostra natura umana è alimentata dallo studio e dalla correttezza.  (Bianca Bucci, avvocato del Foro di Firenze)

/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG fondato, curato e diretto da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista e Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense”. ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati