BIGENITORIALITA’ PERFETTA. SCOMPARE L’ASSEGNO DI MANTENIMENTO. ASSEGNATA LA CASA FAMILIARE AL FIGLIO MINORE

Omologati dal Tribunale di Matera  i patti di una separazione consensuale, che stabiliscono  l’affido condiviso del figlio minorenne, che rimane stabilmente a vivere in quella che era la casa coniugale, con i genitori che si alternano con frequenza settimanale. Nessuno dei due genitori corrisponde all’altro alcunchè a titolo di mantenimento ed, ognuno provvederà direttamente al sostentamento del minorenne durante il periodo di affido di sua spettanza ad eccezione delle spese straordinarie, sia quelle che prevedono il preventivo accordo tra i genitori che quelle che non necessitano del preventivo accordo.  Il decreto di omologa del Tribunale materano si configura al momento come una anticipazione nei fatti del disegno di legge Pillon, una norma sull’affido condiviso ispirata al provvedimento francese che introduce il principio della “bigenitorialità perfetta”. L’assegnazione della casa coniugale ad un figlio minore, non era mai successo in Italia.

Pubblicato da Angelo RUBERTO

Blog curato dall'Avv. Angelo RUBERTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.