INTELLIGENZA ARTIFICIALE E DIRITTO

Oggi vi consiglio il volume “Algoritmica Giuridica: Intelligenza Artificiale e Diritto” di Elena Bassoli in cui l’autrice esplora le connessioni tra intelligenza artificiale (IA) e diritto analizzando l’impatto degli algoritmi sui sistemi giuridici e le implicazioni etiche e sociali che ne derivano. L’autrice indaga il potenziale dell’IA per migliorare l’efficienza e l’accessibilità della giustizia evidenziando però i rischi di discriminazione, parzialità e mancanza di trasparenza associati all’utilizzo di algoritmi decisionali automatizzati. La prima parte del libro si concentra sui concetti chiave alla base di questa nuova tecnologia, offrendo una panoramica della storia dell’intelligenza artificiale, dei differenti tipi di algoritmi e del loro funzionamento. La Bassoli introduce il concetto di “diritto algoritmico”, definendolo come l’insieme di norme e principi che regolano lo sviluppo, l’utilizzo e la responsabilità che l’uso degli algoritmi genera nei contesti giuridici. Vengono inoltre esaminati i concetti di intelligenza artificiale spiegabile e interpretabile, cruciali per garantire la trasparenza e la fiducia nei sistemi algoritmici da impiegare nel settore giuridico. Nella seconda parte l’autrice esplora le diverse applicazioni dell’algoritmica giuridica in specifici settori del diritto; vengono analizzati casi concreti di utilizzo di algoritmi in ambiti quali la giustizia penale, il diritto amministrativo, il diritto fiscale e il diritto del lavoro. L’autrice discute i benefici e le sfide di tali applicazioni, evidenziando l’importanza di garantire la conformità ai principi di legalità, equità e non discriminazione. Risulta interessante il fatto che tali sistemi possono essere usati sia degli avvocati che dai giudici a supporto della difesa e della decisione ma con supervisione al fine di evitare danni alle persone e alla certezza del diritto. La terza parte del libro si concentra sulle implicazioni etiche e sociali dell’ algoritmica giuridica; vengono esaminati i potenziali rischi di discriminazione e di violazione dei diritti umani associati all’utilizzo di algoritmi decisionali automatizzati pertanto si evidenzia l’importanza di sviluppare sistemi etici e inclusivi, basati su principi di trasparenza e chiarezza sul riparto delle responsabilità. Nella quarta parte, la Bssoli analizza il quadro normativo e regolatorio emergente in materia ed esamina le diverse iniziative a livello nazionale e internazionale volte a regolare l’utilizzo degli algoritmi nei contesti giuridici rimarcando l’importanza di sviluppare un quadro normativo completo e solido che garantisca la tutela dei diritti e delle libertà fondamentali valutando l’impatto del loro uso sulle vite delle persone. In conclusione la Bassoli sottolinea l’importanza di un approccio interdisciplinare per gli operatori del diritto che combini competenze giuridiche, informatiche ed etiche per affrontare le sfide e le opportunità poste dall’AI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG fondato, curato e diretto da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista di Bologna e Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense”. PARTNER: JuraNews https://juranews.it - ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati