ENTRATA IN VIGORE LA LEGGE IN MATERIA DI CONTRASTO DEL BULLISMO

Il 15 maggio scorso la Camera ha approvato in via definitiva una nuova legge in materia di prevenzione e contrasto del bullismo e del cyberbullismo che modifica in più punti quella precedente, la n. 71/2017 ed entrata in vigore il 14.06.2024. (Disposizioni e delega al Governo in materia di prevenzione e contrasto del bullismo e del cyberbullismo). La legge si propone il fine di rafforzare la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo e del bullismo e potenziare la protezione delle vittime. All’art. 1 recita: “La presente legge è volta a prevenire e contrastare i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo in tutte le loro manifestazioni, in particolare con azioni di carattere preventivo e con una strategia di attenzione e tutela nei confronti dei minori, sia nella posizione di vittime sia in quella di responsabili di illeciti, privilegiando azioni di carattere formativo ed educativo e assicurando l’attuazione degli interventi, senza distinzione di età, nell’ambito delle istituzioni scolastiche, delle organizzazioni degli enti locali, sportive e del Terzo settore che svolgono attività educative, anche non formali, e nei riguardi dei soggetti esercenti la responsabilità genitoriale, cui incombe l’obbligo di orientare i figli al corretto utilizzo delle tecnologie e di presidiarne l’uso”. Definizione bullismo: “Ai fini della presente legge, per “bullismo” si intendono l’aggressione o la molestia reiterate, da parte di una singola persona o di un gruppo di persone, in danno di un minore o di un gruppo di minori, idonee a provocare sentimenti di ansia, di timore, di isolamento o di emarginazione, attraverso atti o comportamenti vessatori, pressioni o violenze fisiche o psicologiche, istigazione al suicidio o all’autolesionismo, minacce o ricatti, furti o danneggiamenti, offese o derisione”. Obbligo di relazione: “A decorrere dall’anno successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della presente disposizione, il Ministro dell’istruzione e del merito trasmette alle Camere, entro il 31 dicembre di ogni anno, una relazione sugli esiti delle attività svolte dal tavolo tecnico per la prevenzione e il contrasto del bullismo e del cyberbullismo, di cui al comma 1”. Il dirigente scolastico che, nell’esercizio delle sue funzioni, venga a conoscenza di atti di cui all’articolo 1, realizzati anche in forma non telematica, che coinvolgano studenti iscritti all’istituto scolastico che dirige, applica le procedure previste dalle linee di orientamento di cui all’articolo 4. Egli informa altresì tempestivamente i genitori dei minori coinvolti o i soggetti esercenti la responsabilità genitoriale su di essi e promuove adeguate iniziative di carattere educativo nei riguardi dei minori medesimi, anche con l’eventuale coinvolgimento del gruppo costituente la classe in percorsi di mediazione scolastica. Nei casi più gravi ovvero se si tratti di condotte reiterate e, comunque, quando le iniziative di carattere educativo adottate dall’istituzione scolastica non abbiano prodotto esito positivo, il dirigente scolastico riferisce alle autorità competenti anche per l’eventuale attivazione delle misure rieducative di cui all’articolo 25 del regio decreto-legge 20 luglio 1934, n. 1404, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 maggio 1935, n. 835. Il Procuratore presso il Tribunale per i Minorenni. Raccolte le informazioni necessarie, può attivare: Un percorso di mediazione penale minorile; Chiedere al Tribunale per i Minorenni di disporre un progetto di intervento educativo. La Giornata del rispetto. Si terrà ogni 20 gennaio la Giornata del rispetto e sarà dedicata ad attività di sensibilizzazione alla non violenza psicologica e fisica ed al contrasto di ogni forma di discriminazione e prevaricazione. La data non è stata scelta casualmente. È, infatti, la data di nascita di Willy Monteiro Duarte, il giovane ventunenne medaglia d’oro al valor civile, brutalmente ucciso in un pestaggio il 6 settembre 2020 dai fratelli Bianchi a Colleferro.

/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG fondato, curato e diretto da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista di Bologna e Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense”. PARTNER: JuraNews https://juranews.it - ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati