AMORE O TRUFFA? di Clelia COMITO

Le persone conosciute sui social spesso non sono come sembrano o vogliono far sembrare. Mostrano un’immagine di sé diversa da quella reale e non solo per l’aspetto fisico: adulti che si fingono bambini per adescare minori; uomini che si fingono donne attraenti per imbrogliare altri uomini e ricattarli; donne che si professano innamorate dopo un paio di commenti e di like; donne che chiedono aiuti economici perché gravemente malate; profili di personaggi che offrono finanziamenti a condizioni favorevolissime; falsi militari – normalmente americani – in missione che cercano di instaurare ingannevoli relazioni sentimentali a distanza e spesso ci riescono. Il truffatore è un abile corteggiatore, adulatore che analizza e sceglie la sua preda prescelta studiando nei minimi dettagli il raggiro, insinuandosi lentamente nella sua vita privata e facendo leva sui suoi punti deboli. Stiamo parlando della cosiddetta “ROMANCE SCAM”, la Truffa Sentimentale o Truffa Amorosa che è una particolare forma di cybert-truffa, che consiste nel raggiro volto all’ottenimento illecito di denaro, utilizzando internet come mezzo di interazione con la vittima. La truffa sentimentale online è un reato a tutti gli effetti; è un reato perseguibile con querela, quindi è compito del querelante dimostrare di essere stato vittima di artifici e raggiri. L’articolo 640 c.p. recita: chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 51 a euro 1.032”. La norma dunque fa riferimento a qualunque simulazione-dissimulazione ambiguo escamotage posto in essere per indurre taluno in errore al fine di procurargli un danno. Per la sentenza n. 25165/2019 integra il delitto di truffa la condotta del soggetto che, mentendo in merito ai propri sentimenti ed al proposito di una vita in comune, ingenera nella vittima, a lui sentimentalmente legata, la falsa convinzione della realizzazione di quel progetto, inducendola al compimento di atti di disposizione patrimoniale a ciò destinati (⚖️  Cassazione penale, Sez. II, sentenza n. 25165 del 6 giugno 2019). Da evidenziare inoltre che, durante la pandemia questo fenomeno è proliferato e aumentato notevolmente a causa dell’isolamento e della solitudine in cui molte persone si sono ritrovate e, di conseguenza annidate in questo mondo di truffe. I dati della Federal Trade Commission (FTC) mostrano che negli Stati Uniti le truffe a sfondo sentimentale sono una delle attività più redditizie per i malfattori. Le vittime hanno perso 1,3 miliardi di dollari a causa di questo tipo di truffe sia nel 2021 che nel 2022, con un aumento del 78% rispetto al 2020. Nel 2021, la Royal Canadian Mounted Police (RCMP) ha segnalato quasi 1.249 denunce di truffa a sfondo sentimentale, in aumento di un quarto in soli due anni. Le statistiche del 2022, inoltre, rivelano che gli ultra 65enni sono più soggetti alle perdite finanziarie più ingenti per le truffe a sfondo sentimentale: si tratta della maggior parte delle segnalazioni, con 49.000 soggetti di questo gruppo truffati nel 2022. Ad ogni modo, risulta alquanto difficile affermare con certezza se è più probabile che le truffe a sfondo amoroso colpiscano più gli uomini o le donne dal momento che i numeri possono variare in base all’età alla zona ai contesti culturali e altri fattori.

COME DIFENDERSI DALLE TRUFFE AMOROSE ONLINE? Anzitutto, di norma, è consigliabile estrema cautela:

  • DI FRONTE A RICHIESTE DI AMICIZIA DI SCONOSCIUTI, SOPRATTUTTO SE PROVENIENTI DALL’ESTERO;
  • PRIMA DI RACCONTARE DETTAGLI PRIVATI, VERIFICA CHE IL PROFILO SIA AUTENTICO INSERENDO LA FOTO E IL PROFILO DELLE PERSONE CON CUI CHATTI SUI MOTORI DI RICERCA ONLINE PER VERIFICARE SE SONO GIA’ STATI UTILIZZATI ALTROVE;
  • FAI ATTENZIONE AGLI ERRORI DI ORTOGRAFIA E GRAMMATICA, ALLE INCONGRUENZE NELLE LORO STORIE E ALLE SCUSE (AD ESEMPIO LA LORO WEBCAM CHE NON FUNZIONA MAI);
  • NON CONDIVIDERE IMMAGINI PERSONALI, VIDEO O MATERIALI COMPROMETTENTI: I TRUFFATORI POTREBBERO USARLI IN SEGUITO PER RICATTARTI;
  • SE ACCETTI UN INCONTRO DI PERSONA, COMUNICA A PARENTI E AMICI DOVE STAI ANDANDO;
  • TIENI TRACCIA DI TUTTE LE CHAT E PAGAMENTI CHE SERVIRANNO EVENTUALMENTE PER DENUNCIARE LA TRUFFA;
  • EVITA QUALSIASI ACCORDO CON UNO SCONOSCIUTO CHE TI CHIEDE PAGAMENTI TRAMITE VAGLIA POSTALE, BONIFICO BANCARIO, TRASFERIMENTO INTERNAZIONALE DI FONDI, CARTA PREPAGATA O CRIPTOVALUTE. E’ DIFFICILE RECUPERARE I SOLDI INVIATI IN QUESTO MODO!
  • NON TRASFERIRE DENARO A NOME DI QUALCUN ALTRO: IL RICICLAGGIO DI DENARO E’ UN REATO.

 

 

4,0 / 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG curato da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista del Foro di Bologna, Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense” (www.retenazionaleforense.eu) ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati