VIOLENZA DI PALERMO: INTERVIENE IL GARANTE

Violenza di Palermo e divulgazione delle generalità della vittima: COMUNICATO AUTORITA’  GARANTE PROTEZIONE DATI PERSONALI. 

“Nonostante le regole deontologiche dei giornalisti impongano chiaramente di rappresentare fatti di cronaca di questa gravità senza indugiare in dettagli che possano portare a individuare le vittime di violenza, si sono registrati diversi casi in cui l’informazione è stata da subito caratterizzata da un eccesso di particolari e da una morbosa attenzione sulla vicenda.  Per tali motivi l’Autorità nei giorni scorsi ha emanato specifici provvedimenti di avvertimento volti a richiamare l’attenzione sull’esigenza di rispettare i parametri normativi a difesa delle vittime di violenza sessuale. La diffusione dei dati personali della ragazza, ha ricordato il Garante, oltre che in contrasto con la normativa in materia di protezione dei dati personali, viola un preciso precetto penale (art. 734 bis c.p.). L’Autorità evidenzia inoltre il rischio che la pubblicazione dei nomi e cognomi dei violentatori finisca per rendere comunque identificabile in via indiretta la ragazza.  Il Garante richiama quindi nuovamente tutti gli operatori dell’informazione e, più in generale, chiunque ritenga di occuparsi pubblicamente della vicenda, ad astenersi dall’ulteriore divulgazione delle generalità della vittima e ad adottare forme di comunicazione coerenti con la tutela della dignità della persona, evitando di aggiungere – seppur involontariamente – violenza a violenza”.

RIFERIMENTO NORMATIVO

Art. 734 bis c.p.: Divulgazione delle generalità o dell’immagine di persona offesa da atti di violenza sessuale.  “Chiunque, nei casi di delitti previsti dagli articoli 600-bis, 600-ter e 600-quater, anche se relativi al materiale pornografico di cui all’articolo 600-quater.1, 600-quinquies, 609-bis, 609-ter, 609-quater, 609-quinquies e 609-octies, divulghi, anche attraverso mezzi di comunicazione di massa, le generalità o l’immagine della persona offesa senza il suo consenso, è punito con l’arresto da tre a sei mesi”.

NOTE ARTICOLO
1. L’art. 734-bis è stato aggiunto dall’art. 12, Legge 15 febbraio 1996, n. 66 (Gazzetta  Ufficiale  del 20 febbraio 1996, n. 42).  Successivamente l’art. 734-bis è stato così modificato dall’art. 8, Legge 3 agosto 1998, n. 269 e dall’art. 9, Legge 6 febbraio 2006, n. 38. Il testo  prima della modifica ex legge n. 38 del 2006 era il seguente: “Chiunque, nei casi di delitti previsti dagli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quinquies, 609-bis, 609-ter, 609-quater, 609-quinquies e 609-octies, divulghi, anche attraverso mezzi di comunicazione di massa, le generalità o l’immagine della persona offesa senza il suo consenso, è punito con l’arresto da tre a sei mesi.”. Il testo in vigore prima della modifica disposta dalla suddetta legge n. 269 del 1998 così disponeva: “Divulgazione delle generalità o dell’immagine di persona offesa da atti di violenza sessuale. Chiunque, nei casi di delitti previsti dagli articoli 609-bis, 609-ter, 609-quater, 609-quinquies e 609-octies, divulghi, anche attraverso mezzi di comunicazione di massa, le generalità o l’immagine della persona offesa senza il suo consenso, è punito con l’arresto da tre a sei mesi”.

RATIO LEGIS:  L’articolo 734 bis del c.p.,  mira a tutelare la riservatezza delle persone offese vittime di alcuni gravi reati, segnatamente di natura sessuale.

/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG fondatto e curato da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista del Foro di Bologna, Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense”. Il fondatore del sito, al momento non ha intenzione di registrare questa testata giornalistica online poiché tale registrazione è necessaria solo per coloro che intendono ottenere contributi statali, secondo quanto previsto dall’articolo 7, comma 3, decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70. ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati