RETE NAZIONALE FORENSE: NO ALLA VIOLENZA

📌La violenza non è forza ma debolezza, né mai può essere creatrice di cosa alcuna, ma soltanto distruggerla” ( Benedetto Croce)

⚖️ RETE NAZIONALE FORENSE ⚖️ esprime ferma condanna ed aperto biasimo nei confronti dei partecipanti VIOLENTI alle manifestazioni di ieri. Pur considerando legittimo non condividere l’operato del governo in materia di gestione di tutela della salute pubblica dai rischi connessi alla pandemia Covid, è tuttavia inammissibile che tale dissenso venga manifestato con violenza alle persone ed alle cose, così come accaduto ieri. Violenza e tensioni infatti, hanno caratterizzato le manifestazioni organizzate dai “no green pass”, a Roma e Milano. La capitale ha vissuto ore di scontri e violenze, culminate nell’assalto alla sede nazionale della Cgil, presa d’assalto da alcuni manifestanti che sono entrati nei locali, sfondando la porta con aste e bastoni. QUESTO NON E’ IN ALCUN MODO LEGITTIMO ESERCIZIO DI DIRITTI GARANTITI DALLA COSTITUZIONE E DALLA CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL’UNIONE EUROPEA. Infatti, la Costituzione tutela il diritto di riunione, purchè essa venga svolto pacificamente e, come momento di confronto democratico fra cittadini, durante il quale non vi siano prevaricazioni o, ricorso all’uso della violenza e delle armi. La libertà di riunione insieme alla liberta di associazione sono garantiti anche dall’articolo 12 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea. QUELLO CHE E’ ACCADUTO IERI, INVECE, E’ DEPRECABILE! Le manifestazioni sono e debbono essere consentite, ma nel rispetto dei principi contenuti nelle disposizioni sotto riportate.
Art. 17 Cost.: “I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica”.
Articolo 12 CDFUE: Libertà di riunione e di associazione 1. Ogni persona ha diritto alla libertà di riunione pacifica e alla libertà di associazione a tutti i livelli, segnatamente in campo politico, sindacale e civico, il che implica il diritto di ogni persona di fondare sindacati insieme con altri e di aderirvi per la difesa dei propri interessi.
2. I partiti politici a livello dell’Unione contribuiscono a esprimere la volontà politica dei cittadini dell’Unione.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 4 persone, persone in piedi e attività all'aperto
/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG fondato, curato e diretto da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista di Bologna e Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense”. PARTNER: JuraNews https://juranews.it - ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati