PRODOTTI ALIMENTARI: ETICHETTA A SEMAFORO NO DEL SENATO di Angelo RUBERTO

Le così dette etichette nutrizionali a semaforo consistono nell’apporre sulle confezioni dei prodotti alimentari una informazione sul contenuto in calorie, grassi, zuccheri e sale utilizzando i colori verde, arancione e rosso. Il colore verde sta ad indicare un basso contenuto di uno o più di questi elementi. Il colore rosso indica invece una elevata percentuale.  L’ etichetta a semaforo è usata in Gran Bretagna dal 2013, utilizza i bollini rosso, giallo o verde per stabilire se un cibo è “buono” o “cattivo”per la salute di chi lo consuma, senza tener conto delle quantità assunte o di altri componenti nutrizionali. Con il sistema dell’etichettatura a semaforo, troveremmo  un bel bollino rosso sul Grana Padano, sul Parmigiano Reggiano, sul prosciutto di Parma e perfino sull’Olio extravergine di oliva, il prodotto simbolo della dieta mediterranea! Nello scorso mese di dicembre, con una mozione  firmata da tutte le forze politiche – 249 voti favorevoli e 2 contrari – il senato ha impegnato il governo ad attivarsi con tutti gli strumenti a sua disposizione nella trattativa in corso in sede Onu per contrastare l’ulteriore diffusione dell’etichettatura a semaforo sui prodotti alimentari, al fine di promuovere invece l’utilizzo di sistemi di etichettatura che diano corrette informazioni nutrizionali e indichino l’origine dei principali ingredienti utilizzati. L’iniziativa del senato è stata presa dopo che in tanti altri paesi si stanno assumendo iniziative nella direzione di introdurre questo tipo di etichettature.  Paolo De Castro – primo vicepresidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo – : ”Respingiamo con forza il sistema di etichettatura ‘a semaforo’, che dalla Gran Bretagna si sta diffondendo in altri Stati europei: non è accettabile che un bollino verde, giallo o rosso possa decretare se un cibo è ‘buono’ o ‘cattivo’ per la salute di chi lo consuma, basandosi solo sulla percentuale di sale, zuccheri e grassi che contiene”. Il tema dell’etichettatura a semaforo è stato oggetto anche di esame della seconda commissione dell’assemblea generale dell’ONU, nell’ambito dell’iniziativa “Global Healt and Foreign Policy”. Favorevoli, invece, l’Oms e alcune associazioni, convinti che questo possa essere il migliore sistema per aiutare il consumatore a capire le caratteristiche nutrizionali di un prodotto.

/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG fondatto e curato da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista del Foro di Bologna, Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense”. Il fondatore del sito, al momento non ha intenzione di registrare questa testata giornalistica online poiché tale registrazione è necessaria solo per coloro che intendono ottenere contributi statali, secondo quanto previsto dall’articolo 7, comma 3, decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70. ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.