DAL 6 MARZO SI PUO’ PRESENTARE RICHIESTA DEL REDDITO DI CITTADINANZA di Angelo RUBERTO

Parte il reddito di cittadinanza, misura fortemente voluta dal M5S. Infatti, da domani, 6 marzo,  tutti coloro che soddisfano i requisiti per il reddito di cittadinanza potranno fare domanda utilizzando il servizio telematico disponibile sul sito ufficiale del reddito di cittadinanza, oppure presentando il modello Inps compilato ad un ufficio di Poste Italiane o ad un Centro di Assistenza Fiscale. Non è necessario presentare alcun documento insieme al modello SR180  per la richiesta del reddito di cittadinanza. Al momento della richiesta è necessario aver  già presentato la DSU aggiornata, in modo che l’Inps possa associare l’ISEE alla domanda. Quanti presenteranno le domande entro il 31 marzo, se hanno i requisiti, riceveranno entro la fine aprile la comunicazione Inps, via email o con sms, di accoglimento della domanda; dopo due giorni arriverà il messaggio delle Poste, per andare a ritirare la card. I cittadini che formuleranno al domanda per il reddito dal primo aprile, riceveranno il beneficio a maggio. Entro 30 giorni dal riconoscimento da parte dell’Inps del reddito di cittadinanza, bisognerà presentare la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro; anche la dichiarazione immediata di disponibilità può essere inviata tramite Caf. Entro un mese dalla presentazione della DID, si riceverà la convocazione dai centri per l’impiego per sottoscrivere il Patto per il lavoro o dai servizi dei Comuni per stipulare il Patto di inclusione sociale. Esonerato chi presta lavoro di cura in famiglia a un disabile o a un minore di 3 anni.

/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG fondatto e curato da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista del Foro di Bologna, Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense”. Il fondatore del sito, al momento non ha intenzione di registrare questa testata giornalistica online poiché tale registrazione è necessaria solo per coloro che intendono ottenere contributi statali, secondo quanto previsto dall’articolo 7, comma 3, decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70. ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.