BOLOGNA LA GUARDIA COSTIERA LANCIA LA CAMPAGNA CONTRO LA PLASTICA IN MARE

 

 

 

 

 

 

 

 

Milioni di tonnellate di plastica in mare, un rischio per tutti e secondo un dossier ne finirebbero in acqua almeno 8 milioni di tonnellate all’anno. La maggior parte non la vediamo perché è sotto forma di microplastica, ma è comunque pericolosa: ingerita dai pesci, arriva fino ai nostri piatti. Il Mediterraneo ne è pieno. A Bologna all’EUDI Fiera (EUROPEAN DIVE SHOW  la più importante manifestazione espositiva europea interamente dedicata al mondo della subacquea)  parte la nuova campagna del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera per sensibilizzare sull’urgenza di intervenire per liberare il mare dall’invasione della plastica. Il problema della plastica in mare finalmente sta toccando al sensibilità di tanti, ma non è ancora sufficiente. “Chi ama il mare lo protegge”, con questo claim, il Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera lancia la nuova campagna social #plasticfreeGC. “È stata fortemente voluta dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa – ha riferito il Comandante Generale delle Capitanerie di Porto, l’Ammiraglio Giovanni Pettorino – e ci coinvolge direttamente”. “Saremo parte attiva – aggiunge – anche su una nuova campagna che prevede l’individuazione e la raccolta delle cosiddette “reti fantasma””. Si tratta di rifiuti che rimangono per anni sotto le acque, impigliando pesci, rilasciando microplastiche e intralciando, a volte con risvolti tragici, l’attività dei sub che “magari mossi dalla volontà di tutelare l’ambiente – spiega il Angelo Doria, capo Nucleo Subacqueo – si avvicinano alle reti e possono incastrarsi con le proprie attrezzature”.

 

/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG fondatto e curato da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista del Foro di Bologna, Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense”. Il fondatore del sito, al momento non ha intenzione di registrare questa testata giornalistica online poiché tale registrazione è necessaria solo per coloro che intendono ottenere contributi statali, secondo quanto previsto dall’articolo 7, comma 3, decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70. ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.