ANTITRUST SANZIONA RYNAIR E WIZZAIR PER IL BAGAGLIO A MANO

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato, nota anche come Antitrust o AGCM, ha sanzionato la Rynair e la Wizzair con la sanzione pecuniaria rispettivamente di euro 3 milioni ed euro 1 milione, per le modifiche al contratto di trasporto per quanto concerne il bagaglio a mano “il famoso trolley”, in quanto secondo l’autorità costituiscono una pratica commerciale scorretta in quanto ingannano il consumatore sull’effettivo costo del biglietto, non includendo più nella tariffa  base un elemento essenziale del contratto di trasporto stesso qual’è il bagaglio a mano. L’autorità ha concesso alle compagnie  60 giorni di tempo per cambiare nuovamente le proprie regole. Dall’istruttoria del procedimento che ha portato alla applicazione della sanzione, è emerso che la quasi totalità dei viaggiatori, viaggia con il bagaglio a mano, e secondo l’antitrust, il bagaglio a mano costituisce un elemento essenziale  del servizio di trasporto aereo ed il suo trasporto deve essere permesso senza alcun costo aggiuntivo.  Peraltro sulla base della normativa europea vigente in materia, i supplementi prevedibili ed inevitabili devono essere sempre ricompresi nel prezzo del servizio base presentato sin dal primo contatto con il passeggero e, quindi, non possono essere separati da questo con la richiesta di somme ulteriori. Ryanair aveva stabilito che la tariffa standard dei biglietti avrebbe incluso la possibilità di portare con sé un unico bagaglio a mano di dimensioni molto ridotte, da poter infilare sotto il sedile. Per portare a bordo un secondo bagaglio a mano – come i trolley, quelli che le altre compagnie di norma imbarcano gratuitamente – era previsto un sovrapprezzo variabile fra i 5 e i 25 euro. 

/ 5
Grazie per aver votato!

Redazione

BLOG fondatto e curato da Angelo RUBERTO, Avvocato Penalista del Foro di Bologna, Presidente dell’Associazione “Rete Nazionale Forense”. Il fondatore del sito, al momento non ha intenzione di registrare questa testata giornalistica online poiché tale registrazione è necessaria solo per coloro che intendono ottenere contributi statali, secondo quanto previsto dall’articolo 7, comma 3, decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70. ©2018-2024 Tutti i Diritti Riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.